Questo sito utilizza cookie anche di terzi per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, leggi qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie

Inoltre ti confermiamo che questo è un sito sicuro, privo di malware o di software indesiderato...

^Torna in Alto

  • 1 Benvenuti
    nel portale ufficiale del Comune di Scandriglia..
  • 2 Benvenuti
    nel portale ufficiale del Comune di Scandriglia..
  • 3 Benvenuti
    nel portale ufficiale del Comune di Scandriglia..
  • 4 Benvenuti
    nel portale ufficiale del Comune di Scandriglia..
  • 5 Benvenuti
    nel portale ufficiale del Comune di Scandriglia..

Comune di Scandriglia (RI)

Via Umberto I,33 - 02038 - Telefono:0765 878037 Fax 0765 878467

  
  
  
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Natura e territorio

All'interno del territorio protetto del Comune di Scandriglia si sviluppa la lunga dorsale carbonatica di Monte Serrapopolo che con orientamento appenninico (N – S) si viene sostanzialmente ad unire con la massima elevazione del Parco di Monte Pellecchia (1368 m) seguendo una quota media di 1000 m.   L'aspetto paesaggistico dell'aspra configurazione dei bastioni montuosi che con netto contrasto si ergono dalla dolce campagna sabina, costituisce il primo colpo d'occhio che si presenta al visitatore anche in quest'area come per l'intero limite occidentale dei Monti Lucretili.

 

 

 

 

 

 

 

 

 I versanti fortemente acclivi di Monte Pereatti, immediatamente soprastanti il paese, sono sede di estese e fittissime formazioni boschive a prevalenza di roverella (Quercus pubescens), cerro (Quercus cerris), carpino (Ostrya carpinfolia) e nelle stazioni rupicole di leccio (Quercus ilex). Con l'aumentare della quota si notano nella vegetazione cambiamenti in favore di consociazioni di transizione al faggeto, che sul crinale settentrionale del Monte Serrapopolo conservano stazioni a faggio (Fagus sylvatica) miste ad acero di monte (Acer pseudoplatanus) e localizzato agrifoglio (Ilex aquifolium) mentre sulla dorsale si sviluppa un pascolo d'altitudine.

Le formazioni forestali ospitano una ricca fauna; nelle aree marginali prossime ai coltivi è facile riscontrare la presenza dell'istrice (Hystrix cristata) un grosso roditore che sta lentamente ampliando il suo areale di diffusione nel nostro Paese. Quest'animale colonizza gli stessi ambienti del Tasso (Meles meles) piuttosto frequente nella fascia pedemontana, mentre la più rara martora (Martes martes) è sicuramente presente nei boschi più maturi.

 

Il Monte Pellecchia rientra nell'areale di caccia della splendida aquila reale (Aquila chrysaetos) che durante il periodo primaverile ed estivo è facile osservare nel suo volteggio a quote elevate in questo settore del Parco.

I panorami che si apprezzano dalle sommità pascolive dei rilievi principali sono estremamente suggestivi e spaziano sulla Sabina, mentre dal Monte Pellecchia si osserva l'intera configurazione morfologica del Parco costituita da profonde incisioni vallive che separano i gruppi montuosi principali con l'inconfondibile profilo del Monte Gennaro in direzione meridionale. Verso Nord - Est il Pellecchia costituisce un balcone preferenziale per ammirare l'intero arco appenninico che sovrasta il Fucino con la lunga catena del Velino - Sirente in parte celata dalla mole del Monte Navegna sovrastante il lago del Turano, ambedue i complessi montuosi protetti da riserve e parchi naturali. I percorsi che si snodano dal paese permettono di apprezzare i luoghi maggiormente caratterizzati da un aspetto montano, il superamento del tratto di ascesa a quote superiori, piuttosto impegnativo in quanto molto acclive, tuttavia permette di raggiungere la dorsale del Monte Serrapopolo per mantenersi in quota senza molte variazioni altimetriche fino alla lunga cresta del Monte Pellecchia.

 

Un altro percorso si sviluppa alla base del rilievo al limite del coltivato con il bosco e permette di apprezzare quell'ambiente di particolare interesse paesaggistico e storico caratteristico delle aree di confine dove la connotazione prevalentemente antropica si fonde e si perde nella riconquista degli spazi abbandonati da parte della vegetazione naturale.

Guide, escursioni e carte topografiche

Presso il posto informazioni turistiche dell'Associazione Pro Loco sono a disposizione le Guide, per qualsiasi informazione sui percorsi all'interno del Parco, nonché per accompagnarvi nelle escursioni, previa prenotazione e comunicazione del numero dei partecipanti al Tel./Fax.: 0765/878596. Si prega comunque di prendere contatti almeno una settimana prima dell'escursione.

Presso gli uffici della Pro Loco è disponibile, inoltre, la carta topografica di Scandriglia in scala 1:25.000, con tutto il territorio del Parco e degli altri paesi, con l'indicazione dei sentieri e dei punti di interesse naturale e turistico.
Orario del posto informazioni turistico:
Inverno ed estate: Sabato, Domenica e tutti i giorni festivi dalle ore 10.00 alle 18.00; il Venerdì dalle ore 16.00 alle 18.00.
Ulteriori informazioni presso la Associazione Pro loco.

Aquila d'oro

E' un particolare riconoscimento rilasciato dal Centro Visita a tutti gli appassionati che abbiano percorso i Sentierii escursionistici riportati nel programma delle escursioni. E' possibile percorrere i sentieri durante la vacanza o in più fine settimana; completate le escursioni, vi consegneremo con piacere l'ambito riconoscimento, vedrete, ne varrà la pena!

Accedi al Portale

Webcam - Scandriglia

Calendario Eventi

Dicembre 2017
D L M M G V S
26 27 28 29 30 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6

Forum di Discussione

Newsletter

Iscrivendoti alla Newsletter del Comune di Scandriglia e selezionando la tua zona di residenza, riceverai tutte le informazioni, comunicati ufficiali direttamente sulla tua mail,
Privacy e Termini di Utilizzo

free counters

Copyright © 2013. Edit by Bruno Stazi  Rights Reserved.